#PVBasketCamp: la settimana secondo Alessandro Patuelli

14 luglio 2017

Il giovane coach "made in PV" ci ha raccontato le emozioni della settimana a Giulianova con i ragazzi del 2002 e 2003

Alessandro Patuelli era il più giovane tra gli allenatori presenti a Giulianova per la seconda settimana di PV Basket Camp, e dalla prossima stagione sarà anche il più giovane tra i capi allenatori dello staff della sezione Basket Amaranto. Proprio a lui abbiamo chiesto di raccontarci le emozioni e le storie della settimana trascorsa fianco a fianco con i ragazzi del 2002 e 2003.

 

“È stata un’esperienza molto gratificante ed intensa, dove si è trovato il giusto connubio tra basket, mare sole e divertimento. Spendo subito due parole per ringraziare Fede e Flavio, miei colleghi sul campo e.. in spiaggia, per l’occasione, dai quali ho potuto imparare molto sia nei momenti tecnici che in quelli di vita di gruppo.

Un applauso va poi ai ragazzi, che sono stati molto disponibili per tutta la durata del Camp, dimostrando i miglioramenti fatti durante l’anno, sono sicuro che faranno bene in futuro.

In coda, ma non meno importanti, i ringraziamenti per tutta l’organizzazione del Village di Giulianova: cordiali e presenti a tutte le ore del giorno.”

 

Come per i colleghi del 2004-2005, il Camp è stato intervallato dal Torneo “Spiaggia d’Oro”.

 

“La formula è stata quella del Camp/Torneo, con i ragazzi che hanno potuto così mettersi alla prova nei bei campi all’aria aperta contro tante formazioni provenienti da tutta Italia.

Nonostante l’agonismo richiesto negli allenamenti e nelle partite, c’è sempre stato spazio per un tuffo in piscina o in mare, con i ragazzi che hanno alternato la “fatica” al divertimento più giocoso.”

 

In chiusura, il bilancio è stato positivo per tutti.

 

“La gioia negli occhi dei ragazzi e il fortissimo spirito di squadra sono ciò che mi resterà maggiormente nel cuore. Tutti hanno faticato, lavorato e si sono divertiti INSIEME, ed è questo, più dei risultati, quello che conta davvero. Nello sport, nel basket, come nella vita, è fondamentale stare con persone che ti facciano stare bene, ed è questo che qui nella famiglia Pontevecchio io, i miei colleghi e i ragazzi viviamo nella quotidianità, segno che si sta lavorando nella giusta direzione!

 

Un saluto a tutti e a presto!

aggiungi un commento:

Al momento non è possibile inserire commenti alla notizia.

Follow us on Twitter!
apri la galleria scarica le immagini